Ottieni un rimborso parziale o totale delle tue tasse con l'articolo L.247 della LPF.

Pochissimi contribuenti conoscono questo diritto.

Con l'articolo L.247 del Libro di procedura fiscale (LPF), puoi beneficiare di sconti fiscali gratuitamente.

Non è automatico, devi richiederlo. Ma vale la pena provare, perché funziona.

1. Approfitta di uno sconto fiscale

Regalo fiscale in una scatola di natale rossa

Beneficiare di uno sconto fiscale è un diritto, ed è l'articolo L.247 che lo afferma.

Se questo articolo non ti dice nulla, proveremo a scoprirlo insieme in modo che tu sia tra i beneficiari.

Questo articolo stabilisce principalmente che è possibile ottenere, dall'amministrazione fiscale, sconti totali o parziali (chiamato anche free recourse) sulle tue imposte dirette gratuitamente a 2 condizioni: fai la richiesta e dimostri la necessità.

2. Effettua la richiesta

E questo è tutto interesse il nostro trucco è che devi basta essere consapevoli di questa possibilità per approfittarne e fare la richiesta.

E mentre ci leggi, ora lo sai!

3. Riuscire a dimostrare la necessità

Chiaramente, devi riuscire a dimostrare che ci sei incapacità per pagare le tasse (anche temporaneamente).

Ovviamente, dovrai raccogliere i documenti giustificativi corretti.

Ma con un po 'di pazienza è possibile dimostrare in modo certificato che, per imbarazzo o indigenza (in altre parole a causa di un grande drenaggio), pagare le tasse ti metterebbe solo in una situazione ancora più difficile.

4. In quali casi?

pagare meno tasse è possibile in alcuni casi

Deve essere un evento a cui sei sottoposto, che non era previsto nel tuo budget e che ti rende impossibile pagare le tasse.

Possiamo raggruppare i diversi casi in 3 categorie principali:

1. Una situazione eccezionale

Può essere licenziamento, disoccupazione di lunga durata, morte del coniuge, divorzio, invalidità, ecc.

2. Un evento insolito

Ad esempio, una malattia grave che causa grandi costi, la nascita di un bambino, un infortunio, ecc.

3. Un forte squilibrio tra il tuo debito con le autorità fiscali e il tuo reddito familiare.

Le cause di questo squilibrio finanziario possono essere, ad esempio, un aggiustamento fiscale o un indebitamento eccessivo.

5. Come fare domanda?

scrivere una lettera per motivare una riduzione delle tasse

Se pensi di essere in una situazione di imbarazzo come sopra descritto, devi inviare un posta al tuo centro fiscale (preferibilmente con ricevuta di ritorno).

E sì, purtroppo non c'è un modulo specifico da compilare, sarebbe troppo semplice!

Nella posta, cerca di chiarire perché stai chiedendo uno sconto fiscale parziale o totale.

E soprattutto, non dimenticare di iscriverti tutti i documenti a disposizione dell'amministrazione per comprendere appieno le tue difficoltà finanziarie. Questo è sicuramente il più importante.

Se hai bisogno di aiuto per scrivere la lettera, puoi aiutare te stesso da questo sito. Crea una lettera standard dalle informazioni fornite.

Poiché non lavoriamo nel campo delle tasse, è difficile per noi definire quali sono le condizioni di accettazione precise e se il tuo file sarà convalidato o meno.

Ma ecco i criteri che definiscono che conosciamo:

- la tua eredità

- le risorse della tua famiglia

- spese irriducibili: affitto, elettricità, gas, trasporti, cibo, salute, ecc.

- l'importo totale e le cause dei tuoi debiti

- e ovviamente i motivi per cui spendi più di quanto guadagni

In tutti i casi, cerca di essere il più convincente possibile dal Tesoro.

6. Per quali tasse?

vecchia televisione su un tavolo di legno

Gli sconti non vengono effettuati esclusivamente sull'imposta sul reddito. Puoi anche richiedere una riduzione della tua licenza audiovisiva, ma anche della tassa di proprietà e della tassa di alloggio.

Non è tutto. Come indicato nell'articolo L.247 della LPF, funziona anche per le sanzioni per i ritardi di pagamento.

7. Quante richieste sono autorizzate?

Anche in questo caso, una buona notizia, poiché è possibile richiedere un'esenzione fiscale per ogni avviso fiscale ricevuto. pertanto che fa diverse richieste all'anno.

Meglio ancora, è possibile richiedere una riduzione fiscale per i 2 anni precedenti. Anche se hai già pagato le tasse. Interessante come informazione, non è vero?

8. Quanto tempo ci vuole per una risposta?

In media, l'amministrazione fiscale mette 2 mesi per rispondere. Possono essere necessari anche 4 mesi se il tuo file contiene molti documenti da studiare.

Se non hai una risposta dopo 4 mesi, la tua richiesta non è andata a buon fine. Il tuo centro fiscale non è obbligato a risponderti.

Credi che l'amministrazione si sia sbagliata? Puoi sempre provare a metterti in contatto con un difensore dei diritti o con il tribunale amministrativo. In entrambi i casi, in bocca al lupo, perché non sei uscito dall'ostello!

9. Funziona davvero?

Nuvoletta sì

Secondo le statistiche del Ministero dell'Economia e delle Finanze, più diuncontribuente in 2 chi chiede lo sgravio del proprio compenso lo ottiene.

Per darvi un'idea più precisa, nel 2008, quasi un milione di richieste e 65% dei contribuenti ha ricevuto una recensione positiva. L'importo medio dell'esenzione è di circa 1.000 €.

Ti trovi in ​​una situazione finanziaria complicata? Perché non provarci per scoprire se sei idoneo per questo diritto? E se conosci qualcuno che potrebbe trarne beneficio, condividi questo articolo con loro.

E se hai già fatto la richiesta, facci sapere nei commenti se ha funzionato per te. In ogni caso, buona fortuna.

Ti piace questo trucco? Condividilo con i tuoi amici su Facebook.

Inoltre da scoprire:

4 consigli per pagare meno tasse.

Pagare meno tasse sul reddito: i 6 consigli che dovresti sapere.

messaggi recenti