Assicurazione sulla vita: perché non chiuderla mai?

Hai stipulato un'assicurazione sulla vita dalla tua banca? Con il 62% delle famiglie che ne possiedono uno, questo investimento finanziario è il preferito dai francesi secondo INSEE. I suoi vantaggi sono spesso non riconosciuti e non è il tuo banchiere che te li rivelerà. Per mantenere i suoi vantaggi fiscali, un consiglio: non interromperlo!

L'assicurazione sulla vita è l'investimento finanziario più interessante dal punto di vista fiscale. Al termine degli 8 anni di detenzione, i vantaggi fiscali sono massimi. Per risparmiare sulle tasse, è meglio non chiudere il contratto quando preleva denaro da esso.

Grazie a Tax Priority, le mie tasse diminuiscono

Ogni somma depositata durante la durata del contratto è Data effettiva quello del sottoscrizione. Questa si chiama anticipazione fiscale.

Una volta che l'assicurazione sulla vita ha compiuto 8 anni, tutto il denaro pagato, una volta ritirato, beneficerà della tassazione ottimale di Da 0 a 7,5% a seconda del livello delle plusvalenze (esclusi i contributi previdenziali).

Se pochi anni dopo riceviamo un somma di denaro vogliamo piazzare (bonus, eredità ...) in attesa di usarlo (per comprare una casa per esempio), tutto volendo farlo crescere, ci pentiremo di aver chiuso il suo piano! In effetti, l'apertura di un nuovo contratto inizia da zero.

Pertanto, in caso di recesso è meglio lasciare il minimo richiesto dal vostro assicuratore, al fine di mantenere aperto il vostro contratto e di poter beneficiare in futuro della sua tassazione favorevole. Se recedi oltre il minimo richiesto, la tua assicurazione sulla vita verrà risolta e perderai i benefici fiscali che avevi acquisito!

Pensi di essere beneficiario di un'assicurazione sulla vita, scopri il nostro consiglio per recuperare le somme perché il trasferimento non è automatico

La doppia tassazione dell'assicurazione sulla vita

Sebbene la tassazione dell'assicurazione sulla vita sia interessante, è complessa. In effetti, i guadagni dell'assicurazione sulla vita sono doppiamente tassati.

1- Contributi previdenziali

I contributi previdenziali (CSG-CRDS ...) ammontano al 15,5% del reddito. Sono trattenuti alla fonte ogni anno per i cosiddetti "fondi in euro" o "fondi garantiti" e durante i prelievi per i media quotati, OICVM.

Il loro importo non varia in base al numero di anni di detenzione, quindi li lasceremo da parte per questo periodo.

Le plusvalenze, invece, in caso di recesso parziale o totale, sono soggette ad un'imposta la cui aliquota è in calo e diventa ottimale dopo 8 anni.

2- L'imposta sulle plusvalenze, decrescente e ottimale dagli 8 anni

In caso di recesso dalla sua assicurazione sulla vita, siamo tassati sulle plusvalenze o plusvalenze. L'aliquota di questa tassa diminuisce nel corso degli anni. Puoi pagare questa tassa in 2 modi diversi, a seconda della tua situazione fiscale:

- la reintegrazione delle plusvalenze nel reddito al momento della dichiarazione delle imposte sul reddito, dove saranno quindi soggette alla tassazione dei redditi.

- la ritenuta alla fonte, detta anche ritenuta, prelevata direttamente al momento del recesso (detta anche rimborso).

La tariffa varia nel corso degli anni come segue:

35% 15% da 0 a 7,5% *-------|--------------------------------|--------------------------------|---------------------|-------------->

1 ° anno 4 ° anno 8 ° anno X anno

* l'imposta è dello 0% fino a € 4.600 di plusvalenze per un persona singola, fino a 9.200 euro di plusvalenze per un coppia sposato. Oltre a ciò, l'aliquota fiscale è 7.5 %.

In concreto, se utilizzo la mia assicurazione sulla vita dopo 8 anni, il tassazione sarà il più interessante possibile. E, questo non è trascurabile, indipendentemente dalla data in cui ho pagato i miei soldi per il mio contratto (X anno nel diagramma), mantengo la sua priorità fiscale.

La tassazione potrebbe evolversi con la legge

La tassazione dell'assicurazione sulla vita può essere rivista ogni anno nell'ambito del voto sulla legge finanziaria da parte del Parlamento, questi dati sono soggetti a modifiche.

E 'stata appena pubblicata la relazione parlamentare Berger Lefebvre su questo argomento, non si prevede per il momento di toccare la regola dell'anticipazione fiscale, ma si prevede di aumentare il periodo minimo di detenzione di 8 anni e di proporre una nuova tipologia di contratto.

Se questo è il caso, le banche e gli assicuratori coglieranno l'occasione per incoraggiare i clienti a chiudere i vecchi piani, da qui l'interesse a conoscere questo suggerimento!

Risparmio realizzato

L'esecuzione di un contratto e la tassazione di un riacquisto sono dati che variano da contratto a contratto, calcolarli appunto richiede conoscenze che non ho.

In parole povere, su 1.000 € di plusvalenze:

- una tassa del 7,5% = 75 € (a cui si aggiungono i contributi previdenziali del 15,5%)

- una tassa del 35% = 350 € (a cui si aggiungono i contributi previdenziali del 15,5%).

I risparmi ottenuti sarà di € 275, o addirittura € 350 se sei sotto la soglia.

E tu hai un'assicurazione sulla vita? Il tuo banchiere ti ha già spiegato il vantaggio di non chiudere la tua assicurazione sulla vita? Testimonianza nei commenti.

Cifre tratte dallo studio INSEE da scoprire qui.

Ti piace questo trucco? Condividilo con i tuoi amici su Facebook.

Inoltre da scoprire:

3 consigli per pagare meno per la tua assicurazione.

È possibile pagare meno per la tua assicurazione entrando a far parte di un gruppo!

messaggi recenti