13 cose da ricordare se ami qualcuno che soffre di ansia.

L'ansia è una malattia complessa difficile da gestire.

Ma non solo per le persone che ne soffrono.

Questa malattia è anche molto angosciante per chi ama una persona che soffre di ansia.

In effetti, questa malattia è pesante per le persone che ne soffrono E per le persone che le amano: pesante fisicamente e molto spesso, pesantemente mentalmente.

L'ansia di una persona cara ha molta influenza sulla vita quotidiana.

Come puoi aiutare qualcuno che soffre di ansia?

I progetti devono adattarsi ed evolversi secondo l'ansia provata dalla persona.

Alcune situazioni dovrebbero essere evitate. Ed è impossibile fare progetti se non si è attenti, meticolosi e rigorosi.

Perché i bisogni emotivi di una persona con ansia generalizzata variano di giorno in giorno.

Vivere con qualcuno che soffre di ansia richiede un grande investimento personale. Capire come si sente qualcuno con ansia è estremamente complesso.

Ed è del tutto comprensibile sentirsi confusi di fronte a tanta complessità.

Per aiutarti ad affrontare una situazione del genere, ecco 13 cose da ricordare se ami qualcuno che soffre di ansia:

1. Non sono definiti dalla loro ansia

Nessuno apprezza l'essere ridotti a un attributo della propria personalità.

Se vuoi davvero aiutare qualcuno che soffre di ansia, digli che lo apprezzi così com'è, come'individuo unico.

Ricorda sempre che dietro l'ansia c'è una persona.

Potrebbe già essere ovvio per te: non definiamo una persona dalla malattia di cui soffre.

Sfortunatamente, quando una persona cara soffre di un disturbo mentale, tendiamo a concentrarci sulla malattia e dimenticarci dell'essere umano dietro di essa.

Ricorda: nonostante la loro ansia, questa persona è un essere umano. Un essere umano con tutte le sue complessità - come tutti noi!

Cerca di non dimenticarlo mai.

2. Si stancano facilmente

Essere ansiosi è estenuante.

In effetti, le uniche persone che possono veramente capire quanto possa essere stancante l'ansia sono ... le persone che soffrono di ansia.

L'ansia provoca uno stato di tensione acuto. Le persone che ne soffrono sono costantemente in allerta.

Le loro menti non sono quasi mai in pace. E il loro corpo è sempre in allerta: o è la lotta, o è la fuga.

Naturalmente, questo stato di tensione cronico provoca un rapido esaurimento.

Situazioni facilmente gestibili da coloro che non sono ansiosi possono facilmente diventare un vero calvario per le persone che soffrono di ansia.

Hai mai avuto una settimana particolarmente difficile? Il tipo di settimana in cui, ogni mattina, ti dici "Non ce la faccio più!" Ecco, sono davvero esausto! ".

Questo stato di stress e spossatezza è la vita quotidiana delle persone che soffrono di ansia.

Ricordalo la prossima volta che spingi qualcuno con ansia a essere più produttivo.

3. Sono facilmente confusi

Vivendo in un costante stato di tensione e tensione, sono facilmente confusi.

Le persone che soffrono di ansia sono iperattive.

Ne sono consapevoli tutto cosa succede intorno a loro: ogni suono, ogni movimento, ogni odore, ogni luce, ogni persona, ogni oggetto.

È a causa di questo stato di iper-allerta che determinate situazioni, quali a priori non sembrano fonte di confusione, può diventare rapidamente opprimente per qualcuno con ansia.

Ad esempio, il semplice fatto di avere persone che conversano nella stessa stanza può diventare stressante per una persona ansiosa.

Quando cerchi di incoraggiare e sostenere le persone con ansia, ricorda che le attività che sono piacevoli per te possono facilmente creare confusione per loro.

Quando cerchi di convincere qualcuno che soffre di ansia ad andare da qualche parte, ricorda che le attività che sono piacevoli per te possono facilmente creare confusione per loro.

Per questo dobbiamo a tutti i costi evitare di imporre situazioni in cui ci si possa sentire “rinchiusi”.

Per rassicurarli, non dimenticare di dire loro che se lo desiderano, possono andarsene e che possono farlo in qualsiasi momento.

4. Sanno che la loro ansia è spesso irrazionale

Sì, lo sanno: spesso la loro ansia è irrazionale.

Ma sapere che la sua malattia è irrazionale purtroppo non impedisce ai pensieri di correre.

Le loro menti continuano a pensare a tutte le centinaia di scenari catastrofici che potrebbero accadere nell'istante T.

Se fosse facile come dire a te stesso "beh, le mie ansie sono irrazionali. Non ho bisogno di preoccuparmi", la maggior parte delle persone che soffrono di ansia non avrebbe più problemi!

Questa è proprio una delle cose peggiori dell'ansia: sapere che è irrazionale.

Pertanto, non ha senso far notare alle persone che soffrono di ansia che i loro pensieri sono irrazionali - lo sanno già.

Ciò di cui hanno veramente bisogno è compassione, perdono e sostegno.

Forse pensiamo di fare la cosa giusta quando facciamo loro notare che la loro ansia è irrazionale e non necessaria.

Ma in realtà è ben lungi dall'aiutarli.

5. Sanno come esprimere ciò che sentono (devi solo sapere come ascoltarli)

Solo perché queste persone soffrono di ansia non significa che non possano comunicare ciò che provano.

(A meno che non stiano avendo un attacco di panico, nel qual caso è improbabile che siano in grado di parlarne. E in tal caso, non cercare di farli parlare!).

In effetti, le persone con ansia amano ancora parlare con gli altri e parlare per loro conto. Quindi non preoccuparti, saranno fantastici per dirti come si sentono a tempo debito.

Molte persone pensano che quando una persona soffre di ansia (o qualsiasi altro problema per quella materia), e quella persona non parla, è perché non ha voglia di parlare.

Ma la realtà è ben diversa. Il motivo per cui la persona non ha voglia di parlare è spesso perché la persona di fronte a loro non l'ascoltava correttamente o, peggio, aveva un atteggiamento sprezzante.

Quindi, la prossima volta che pensi che qualcuno con ansia non possa parlare da solo, morditi la lingua! E dagli l'opportunità di comunicare.

Quindi prenditi il ​​tempo per ascoltare attentamente ciò che ha da dirti.

6. Quando vanno nel panico, non hanno bisogno che qualcuno gli chieda 15 volte come stai

Come reagire quando qualcuno ha un attacco di panico?

Quando vedi qualcuno che soffre di ansia nel panico, sei sicuro che dovresti davvero chiedergli se sta bene?

Sai già la risposta: sta avendo un attacco di panico!

Il suo cuore batte forte, le sue mani sono sudate, il suo petto è stretto, le sue braccia e le sue gambe tremano per l'adrenalina e per di più è appena entrata in uno stato di lotta o fuga.

Quando le persone con ansia hanno un attacco di panico, pensano che moriranno.

Quindi, invece di chiedere loro se "va bene", prova qualcosa di diverso.

Ecco alcuni buoni esempi di ciò che potresti dire loro per aiutarli:

a. "Respirare. Non dimenticare di respirare. "

b. "Prova ——— (aggiungi qui una tecnica che li ha aiutati in passato)"

vs. "Vuoi che andiamo in un posto più tranquillo? "

d. "Sono qui se hai bisogno di me. (Quindi, lasciali soli se non ti chiedono nulla.)

e. “Stai avendo un attacco di panico. Non durerà. L'hai superato in passato e supererai anche questo. "

Soprattutto, non dimenticare la cosa più importante: se ti chiedono di lasciarli in pace, lasciali in pace!

Sono quelli che hanno più esperienza nell'affrontare un attacco di panico. Lascia che agiscano come meglio credono.

7. Sono grati per il tuo aiuto.

L'ansia è difficile per tutte le persone coinvolte, comprese le persone che le amano.

E lo sanno le persone che soffrono di ansia.

Sanno di essere irrazionali. Sanno che sei stato costretto a rinunciare ad attività o eventi per salvare loro momenti spiacevoli.

Sono profondamente consapevoli dello sforzo richiesto per prendersi cura di loro e sostenerli.

Se c'è una cosa che le persone che soffrono di ansia hanno in comune è che analizzano troppo tutto.

E questa "analisi eccessiva" riguarda anche le persone che li aiutano o che li hanno aiutati: è inevitabile.

Sappi che il tuo aiuto e supporto, anche nelle sue forme più sottili, non passa mai inosservato.

8. Hanno difficoltà a lasciarsi andare

Quando soffri di ansia, analizzi troppo le cose. È un aspetto inevitabile di questa malattia.

Questo è il motivo per cui è importante capire PERCHÉ le persone con ansia analizzano troppo le cose.

La maggior parte di loro ha vissuto un evento che li ha traumatizzati (molto spesso ne hanno vissuti diversi).

Tuttavia, quando abbiamo vissuto un evento traumatico, il ricordo può rimanere bloccato nel nostro sistema limbico (la parte del nostro cervello che determina se siamo in pericolo o meno).

I ricordi di eventi traumatici non vengono "registrati" allo stesso modo degli altri. Sono anche immagazzinati in una regione diversa del cervello dai ricordi "normali".

Pertanto, il cervello reagisce in modo diverso a questi ricordi.

In particolare, il cervello cerca costantemente di fare collegamenti tra la memoria traumatica e la situazione attuale (questa è una delle cause dello stato di tensione acuta nelle persone che soffrono di ansia).

Una volta che il loro cervello è nella morsa di questo meccanismo, è molto difficile per loro lasciarsi andare.

In effetti, il cervello è, a lungo termine, in uno stato di ansia prolungata.

Il risultato ? Lasciar andare le preoccupazioni della vita, non importa quanto piccole, diventa un compito particolarmente difficile.

Le persone con ansia non possono semplicemente "lasciarsi andare" - il loro cervello le impedisce!

Quindi cerca di non rendere la vita più difficile per loro di quanto non lo sia già per loro.

9. Reagiscono male al cambiamento (anche quando se lo aspettano)

Abbiamo tutti la nostra zona di comfort, indipendentemente dal fatto che abbiamo ansia o meno.

Anche per una persona equilibrata, uscire dalla propria zona di comfort può essere difficile.

Quindi per le persone che soffrono di ansia, uscire dalla propria zona di comfort è ancora più complicato

Ciò non significa che a loro non piaccia il cambiamento.

Perché una volta che accettano di uscire dalla loro zona di comfort, sono abbastanza abili nell'accogliere il cambiamento.

È solo per loro che è molto più lungo e più difficile.

Le rare volte in cui le persone che soffrono di ansia si sentono meglio è quando si trovano nella loro zona di comfort senza il rischio di dover affrontare un cambiamento intorno a loro.

Quando si trovano di fronte a un grande cambiamento, ci vuole molto tempo per abituarsi e tornare alla loro zona di comfort.

È quindi importante essere un po 'più pazienti e indulgenti con le persone ansiose.

Perché stanno davvero cercando di uscirne. Fidati di loro.

10. Quando ti ignorano, non sempre lo fanno apposta.

Per gestire la tua ansia, devi essere in grado di controllare la vocina interiore. E a volte questo processo richiede molta attenzione ed energia.

Nelle persone che soffrono di ansia, anche la minima cosa può causare pensieri negativi.

Quando, improvvisamente, sembrano essere fuori da una conversazione, è probabile che stiano analizzando eccessivamente un argomento appena discusso.

O forse stanno cercando di calmare le loro menti. In ogni caso, ci vuole molta concentrazione.

Ma stai tranquillo, non ti stanno ignorando. E se è così, non lo stanno facendo apposta.

È solo che stanno combattendo. Stanno lottando per non avere un attacco di panico proprio davanti ai tuoi occhi.

Non c'è bisogno di chiedere loro se "stai bene?" ". E soprattutto, non c'è bisogno di interrogarli su ciò che hai appena detto per verificare che abbiano seguito la discussione.

Se è davvero importante, puoi parlare con loro un po 'più tardi, quando sembrano più attenti.

A volte la loro mente è un vero campo di battaglia. All'improvviso, lasceranno una conversazione senza rendersene conto. E se lo realizzano, si sentono in colpa.

Rassicurali e fagli sapere che hai capito.

Assicurati solo che abbiano capito le informazioni importanti di cui stavi parlando, specialmente se riguardano nuove responsabilità che vuoi dare loro (anche se significa scriverle su un pezzo di carta!)

11. Non vivono sempre nel momento presente

Come accennato in precedenza, le persone che soffrono di ansia possono sembrare assenti durante una conversazione.

Ma non è necessariamente la conversazione che innesca questa reazione.

Prima o poi, un evento quotidiano nella vita rischia di provocare in noi un piccolo momento di contemplazione.

Ma per le persone che soffrono di ansia, basta un po 'per farle riflettere profondamente.

Spesso si perdono nei loro pensieri - a proposito, lo dimostra il loro sguardo vuoto.

Ma a differenza di quello che vedi nei film romantici, non è divertente spaventarli quando sono persi nei loro pensieri (anche se potrebbe farti ridere!).

Cerca invece di riportarli al momento presente regolarmente, ma in modo più delicato.

Trova un modo per ricordare loro dove si trovano e cosa stanno facendo (ma non letteralmente: hanno ansia, non perdita di memoria a breve termine!).

Soprattutto, ricorda loro che dovrebbero provare a godersi il momento presente. Apprezzeranno sicuramente il tuo gesto.

12. Per loro, l'ansia non deve essere un vincolo (e dovresti crederci!)

Fondamentalmente, soffrire di ansia non è poi così male.

Certo, a volte può essere difficile, ma l'ansia non deve essere un grande sforzo.

Perché, da qualche parte, l'ansia ha contribuito a plasmare la persona che è oggi.

A ben guardare, l'ansia può anche finire per migliorare la vita di un individuo.

Perché ? Perché l'ansia può indurre le persone a percepire il mondo in un modo completamente diverso e molte volte questa percezione risulta essere migliore.

Certamente, i sintomi dell'ansia non sono grandi. Analizzare troppo le cose non è eccezionale. Non essere nemmeno "presente" durante una conversazione.

Quando ci pensi, qualsiasi aspetto della vita può potenzialmente diventare negativo.

Ma questo non significa necessariamente che questo sia il modo in cui le persone che soffrono di ansia scegliere per vedere le cose, almeno non sempre.

Ricorda che parte della loro personalità è l'ansia.

Ricorda che parte di ciò che sono (e delle esperienze di vita che li definiscono) è anche l'ansia.

L'ansia può anche avere lati positivi. Le persone che ne soffrono lo sanno, e molte di loro scegliere per vedere questi aspetti positivi (soprattutto le persone le cui condizioni stanno migliorando).

Anche tu hai l'opportunità di vedere questi lati positivi.

13. Sono fantastici!

Come tutte le persone sul nostro pianeta, sono fantastiche! :-)

(Ecco perché li ami, non è vero?)

Vedere il lato negativo delle cose è facile, soprattutto quando si tratta di disturbi mentali.

Per far fronte a questo, ricorda che le persone che soffrono di ansia lo sono eccezionale.

Erano prima che fossero ansiosi e lo sono dopo!

Ricorda: vedere il lato positivo delle cose è a scelta. Vedere il lato positivo di una situazione è a scelta. Vedere il lato fantastico delle persone con ansia è a scelta : la tua scelta.

Se possono farlo, puoi farlo anche tu!

Ecco qua, ora conosci le 13 verità che non dovresti MAI dimenticare di amare qualcuno che soffre di ansia.

Cerca di non dimenticare queste verità, dovrebbero semplificarti la vita quotidiana se sei vicino a qualcuno che soffre di ansia.

Questa non è una certezza ovviamente. Perché, siamo sinceri, ogni persona è unica. Ciò che funziona per una persona potrebbe non funzionare per un'altra.

D'altra parte, c'è una cosa che funziona sempre : la compassione che proviamo per le persone che amiamo.

Se c'è una cosa che devi togliere dal nostro articolo, è che tutti, specialmente quelli che soffrono, meritano la tua compassione.

Quindi dai la tua compassione, specialmente a chi ne ha bisogno.

Il tuo turno...

E lei ? Cosa ne pensate del nostro articolo? Abbiamo dimenticato qualcosa? Abbiamo interpretato male l'ansia? Condividi la tua opinione con noi nei commenti. Non vediamo l'ora di sentirti!

Ti piace questo trucco? Condividilo con i tuoi amici su Facebook.

Inoltre da scoprire:

12 pensieri tossici da evitare per una vita migliore.

7 comportamenti considerati negativi ma che in realtà sono buoni per te.

messaggi recenti