12 potenti frasi per parlare più facilmente ai tuoi figli.

Parlare con i tuoi figli non è sempre facile ...

Hanno idee su tutto e storie infinite.

Vedono il mondo con una prospettiva completamente diversa dalla nostra.

Tutte le domande che hanno sarebbero sufficienti per occupare un intero pomeriggio.

E trovare le parole giuste per comunicare con loro è una vera sfida.

Una madre e sua figlia che chiacchierano con un testo che recita: 12 frasi per comunicare meglio con i suoi figli

Inoltre, in situazioni complicate, puoi sentirti rapidamente sopraffatto e avere problemi a rimanere calmo.

Ti senti sotto pressione, non riesci a trovare le tue parole e diventa difficile nascondere la tua esasperazione.

Tutto quello che esce dalla nostra bocca è un suono a metà tra un ringhio e un sospiro ...

Fortunatamente, ci sono frasi semplici ed efficaci per facilitare la comunicazione con i tuoi figli su base quotidiana ed evitare così discussioni.

Ecco 12 potenti frasi per parlare più facilmente con i tuoi figli. Guarda :

12 potenti frasi per parlare più facilmente ai tuoi figli.

1. "Per tutto questo ..."

Un "ma" può aggravare una discussione già tesa.

Oltre a cancellare tutto ciò che di positivo è stato detto prima, un semplice "ma" può ferire e confondere.

Dire "ti amo ma ..." o "mi dispiace ma ..." è spesso inteso come "ti amo ma non abbastanza" o "mi dispiace ma non proprio".

Invece, sostituire "ma" con "fornito ...".

Dà peso a ciò che hai detto poco prima, ma anche a ciò che dirai dopo.

Esempi:

"Ti amo. Tuttavia, non posso lasciarti essere volgare."

"Mi dispiace che tu sia arrabbiato. Tuttavia, non ammetto che hai picchiato i tuoi compagni."

2. "Ti chiedo di ... / Devi ..."

Uno dei modi migliori per creare un equilibrio di potere è dare ai bambini la possibilità di scegliere.

Come con questo tipo di domanda: "Sei pronto a sederti a cena?"

o "Possiamo andare a vestirci adesso?" o "Ti piacerebbe prendere i tuoi giocattoli?"

Queste formule sono perfette solo se vuoi dare a tuo figlio la scelta.

In caso contrario, è necessario formulare la richiesta in modo più chiaro terminando con "per favore".

Esempi:

"È ora di sedersi a cena, devi venire a mangiare, per favore."

"Ti sto chiedendo di andare a vestirti, per favore."

"Devi prendere i tuoi giocattoli, per favore."

3. "Posso vedere ..."

"Vedo che entrambi volete lo stesso giocattolo."

"Vedo che sei molto arrabbiato ..."

Se c'è un problema, è meglio osservare semplicemente la situazione. In questo modo eviti di accusare il bambino o di fare supposizioni.

Al contrario, dimostri che stai cercando di capire cosa sta succedendo.

In questo modo, tutti sono molto più disponibili a trovare una soluzione al problema.

Per farlo funzionare, inizia semplicemente descrivendo ciò che vedi, senza giudicare.

Quindi invita tuo figlio a finire la frase per scoprire cosa è successo.

4. "Descrivimi ..."

Come per il punto numero 3, l'importante è non saltare alle conclusioni troppo velocemente.

Invece, lascia che tuo figlio si esprima per primo.

Questa formula funziona tanto bene in una discussione quanto in una situazione in cui stai cercando di indovinare cosa ha disegnato tuo figlio.

"Descrivimi cosa hai disegnato ..." funziona meglio che dire "Che orso carino!" (soprattutto se il bambino ha effettivamente disegnato un cane).

"Descrivimi cosa è successo ..." è molto più efficace di "Non posso credere che tu l'abbia colpito!" (soprattutto se prima, l'altro bambino lo ha schernito per 2 ore).

5. "Mi piace guardarti ..."

Questa formula è ideale per uscire dai momenti difficili.

Mi viene da mia nonna. L'ho praticato migliaia di volte.

Dire a un bambino che ci tieni a guardarlo ogni giorno può davvero aiutarlo a sviluppare una buona autostima.

Il modo migliore per incoraggiare un bambino a comportarsi è sottolineare le sue buone azioni e qualità.

Esempi:

"Mi piace guardarti giocare con i tuoi fratelli."

"Mi piace ascoltarti suonare il piano."

"Mi piace guardarti giocare a Lego."

È una formula semplice ed efficace che mostra al bambino che siamo attenti a lui.

Ci ricorda anche di rallentare per sfruttare il momento presente.

6. "Cosa pensi di poter fare per ..."

Ogni giorno tendiamo a voler risolvere immediatamente qualsiasi problema si presenti.

Ma in realtà, è importante responsabilizzare i bambini e insegnare loro a risolverli da soli.

Esempi:

"Cosa pensi di poter fare per rallegrare tua sorella?"

"Cosa pensi di poter fare per riconciliarti con il tuo amico?"

"Cosa pensi di poter fare per riparare quello che hai rotto?"

Questo tipo di frase incoraggia i bambini a prendere iniziative per conto proprio e non solo a offrire loro una soluzione già pronta.

Da qui l'importanza di TON e TU nella frase: "Secondo TU, cosa potresti fare TU ...".

7. "Come posso aiutarti ..."

In alcune situazioni è chiaro che i bambini hanno bisogno del nostro aiuto.

L'importante quindi è dare loro una mano, ma non venire subito in loro aiuto.

L'obiettivo è dimostrare loro che siamo lì per aiutarli se necessario, senza rimuovere la loro responsabilità.

Esempi:

"Come posso aiutarti a riparare questo giocattolo rotto?"

"Come posso aiutarti a riordinare la tua stanza?"

"Come posso aiutarti con i compiti?"

8. "Quello che so è ..."

In alcuni casi, SAPPIAMO benissimo che i nostri figli ci portano in barca.

Se diciamo loro subito “Mi stai mentendo!”, Si chiuderanno su se stessi o staranno sulla difensiva.

Puoi evitare una discussione semplicemente dicendo ciò che sai.

E funziona altrettanto bene di fronte a una bugia quanto a un grande malinteso.

Esempi:

"Quello che so è che c'erano 4 biscotti nel piatto quando me ne sono andato."

"Quello che so è che i giocattoli non possono muoversi da soli".

"Quello che so è che la mamma di Laura non era a casa oggi."

9. "Aiutami a capire ..."

Chiedere a un bambino di aiutarti a capire una situazione è molto meno accusatorio che dire "spiegati".

Le stai dando il messaggio che non capisci, ma VUOI capire.

Esempi:

"Aiutami a capire come è finita qui."

"Aiutami a capire cosa è successo."

10. "Mi dispiace ..."

I bambini non sono sempre gli unici a commettere errori. Adulti e anche genitori!

Riconoscere i propri errori e la propria goffaggine significa anche dare a tuo figlio l'opportunità di imparare che è sempre meglio ammettere gli errori che negare.

Ma non solo.

Gli viene anche insegnato che tutti commettono errori.

Quando un bambino ci vede ammettere i nostri errori e scusarsi, capisce immediatamente che può fare lo stesso.

E quando sai come riconciliarti rapidamente, le relazioni diventano ancora più forti.

11. "Grazie ..."

Nella vita di tutti i giorni è importante dare tanta importanza ai momenti belli quanto a quelli più difficili.

Ciò significa, ad esempio, mettere in risalto i bei tempi che esistono anche nei giorni davvero difficili.

In effetti, i nostri figli devono sapere che i loro sforzi non passano inosservati.

È come quando noi stessi ci aspettiamo un piccolo riconoscimento dopo aver lavorato duramente a un progetto professionale.

Esempi:

"Grazie per aver preparato la tua merenda stamattina."

"Grazie per aver ascoltato così gentilmente quello che avevo da dirti."

"Grazie per aver aiutato tua sorella."

Anche: "Grazie per aver messo in ordine la tua stanza. So che prima volevi fare qualcos'altro. (Implicito: dato che hai avuto un attacco poco prima). Mi rende davvero felice che ti sei dato del dolore."

12. "Ti amo ..."

È essenziale ricordare queste tre parole e non esitare a dirle spesso.

Le nostre parole e azioni devono mostrare ai nostri figli che saranno SEMPRE amati, qualunque cosa accada.

In tutti gli studi sullo sviluppo del bambino che ho letto, ci sono 2 verità che continuano a emergere:

1. Innanzitutto, sono le relazioni umane che promuovono l'apprendimento e lo sviluppo dei bambini.

2. Amare incondizionatamente è alla base di tutte le relazioni umane sane, specialmente tra i membri della stessa famiglia.

Prima, durante e dopo le situazioni più complicate, dovremmo dire ai nostri figli che saranno sempre amati e al sicuro con noi, qualunque cosa accada.

Mostrare amore può compensare gli errori che i genitori possono fare (perché sì, nessuno è perfetto!).

E questo, anche quando non riusciamo a trovare le parole giuste o non comunichiamo come dovremmo.

Quando mostri chiaramente il tuo amore per tuo figlio e lui cresce circondato da cure, riusciamo sempre a trovare un modo per riconciliarci.

Ti piace questo trucco? Condividilo con i tuoi amici su Facebook.

Inoltre da scoprire:

30 domande da porre a tuo figlio invece di "Com'è andata la giornata?"

8 cose da dire ai tuoi figli per renderli felici.

messaggi recenti